Pagine amiche: link utili

Da soli non si può! 

Fare rete e costruire alleanze, sono divenute tappe obbligate: Associazioni, sindacati, comitati, ma anche Enti, istituzioni sono i nostri compagni di viaggio.

Le avvisaglie di concertazione sovra comunale (sviluppo area ex.Alcan, bacino imbrifero, patto di fiume, trasporti su ferro e gomma, consumo di suolo,..), evidenziano altresì la necessità di rafforzare le relazioni del circolo con altri circoli “vicini”, Valle d’Aosta, Chiusella Vivo, Basso Canavese, Chivasso, e con le associazioni e i gruppi locali per essere maggiormente presenti e incisivi nelle istanze e nell'afrontare i problemi.

IL MONDO DI LEGAMBIENTE

Legambiente è nata nel 1980, erede dei primi nuclei ecologisti e del movimento antinucleare che si sviluppò in Italia e in tutto il mondo occidentale nella seconda metà degli anni ’70.

Tratto distintivo dell’associazione è stato fin dall'inizio l’ambientalismo scientifico, ovvero la scelta di fondare ogni progetto in difesa dell’ambiente su una solida base di dati scientifici, uno strumento con cui è possibile indicare percorsi alternativi concreti e realizzabili. L'approccio scientifico, unito a un costante lavoro di informazione, sensibilizzazione e coinvolgimento dei cittadini, ha garantito il profondo radicamento di Legambiente nella società fino a farne l’organizzazione ambientalista con la diffusione più capillare sul territorio: oltre 115.000 tra soci e sostenitori, 1.000 gruppi locali, 30.000 classi che partecipano a programmi di educazione ambientale, più di 3.000 giovani che ogni anno partecipano ai nostri campi di volontariato, oltre 60 aree naturali gestite direttamente o in collaborazione con altre realtà locali.

Legambiente è un’associazione senza fini di lucro, le attività che organizziamo sono frutto dell'impegno volontario di migliaia di cittadini che con tenacia, fantasia e creatività si impegnano per tenere alta l'attenzione sulle emergenze ambientali del Paese.

Tutela dell’ambiente, difesa della salute dei cittadini, salvaguardia del patrimonio artistico italiano.

Sono molti i campi in cui Legambiente è quotidianamente impegnata, a livello nazionale regionale e locale. Alle grandi battaglie si affianca infatti la quotidiana attività degli oltre centodiecimila soci e degli oltre duemila tra circoli e classi per l’ambiente sparsi su tutto il territorio nazionale: numeri che fanno di Legambiente la più diffusa associazione ambientalista italiana. Una quarantina sono i circoli del Piemonte, circa 5000 gli iscritti...

Il Circolo Legambiente Valle d’Aosta nasce agli inizi del 2001, pochi mesi dopo l’alluvione che devastò la regione. In quell’occasione ci si rese conto che non esistevano sul nostro territorio associazioni ambientaliste operative e lo stimolo del dibattito che si era venuto a creare a seguito dell’alluvione fu la molla determinante a far nascere la nostra struttura...

Da vari anni ormai, il Circolo Legambiente di Chivasso è impegnato concretamente sul territorio, a difesa dell'ambiente naturale e urbano e per la tutela della salute di chi vi abita. Le attività svolte dal circolo sono essenzialmente di due tipi: da un lato l’adesione alle campagne e iniziative nazionali di Legambiente, dall’altro gli interventi su temi e problemi di carattere locale...

ASSOCIAZIONI DEL TERRITORIO

Il Gruppo d’Acquisto Solidale “Ecoredia” nasce ad Ivrea all’inizio del 2003, in modo informale, da una decina di famiglia aderenti per lo più all’Operazione “Bilanci di Giustizia”. La pratica degli acquisti diretti presso produttori biologici ed ecologici era già parte integrante delle attività del gruppo “bilancista”, ma la spinta a costituire un vero e proprio gruppo d’acquisto solidale viene dalla partecipazione all’esperienza del Social Forum eporediese che intravede in ciò la possibilità concreta di elaborare un progetto di economia solidale per il territorio...

L’associazione Serra Morena nasce nel 2006 come Associazione Turistica Pro Loco (Atpl) di lvrea, con tre obiettivi: tutelare e valorizzare l’Ambiente ed il Paesaggio dell’AMI; sviluppare attività di Promozione Sociale; promuovere il Territorio dell’Anfiteatro Morenico...

Tutti i progetti e le attività di Serra Morena si fondano sul volontariato.

L’Ecomuseo AMI assume, come proprio riferimento fondante, la Convenzione Europea del Paesaggio (CEP) ed assume, come territorio di riferimento, l’Anfiteatro Morenico di Ivrea. Monumento geologico unico al mondo per l’intatta morena a cerchio concluso che lo delimita, l’ Anfiteatro Morenico di Ivrea comprende 85 Comuni ed interessa i territori di tre Province: Torino, Biella e Vercelli...

Il Coordinamento di Libera di Ivrea e Canavese è nato nell’ottobre del 2005. Nel tempo sono nati tre presidi: nel 2008 il Presidio Domenico Noviello ad Ivrea, nel 2012 il Presidio Luigi Ioculano a Cuorgnè e nel 2014 il Presidio Annamaria Torno ad Ivrea.

Nel 2014 il Coordinamento contava 170 tesserati e 10 associazioni aderenti, oltre alla collaborazione di altre associazioni del territorio...

Progetto pirogassificatore a Borgofranco d'Ivrea, indetto dal gruppo promotore del comitato DORABALETA CHE RESPIRA presso il salone dell'olmetto..

MASSA CRITICA è una modalità nonviolenta, antiautoritaria, felicemente disorganizzata per rivendicare il diritto di usare la bicicletta in città...

L'Associazione Utenti Ferrovia Chivasso - Ivrea - Aosta é nata nel dicembre del 1994. Già da 5 anni era stato costituito un Comitato di pendolari e di persone sensibili ai problemi del trasporto pubblico che avevano cominciato a riunirsi, discutere i problemi, diffondere volantini ai viaggiatori, raccogliere firme, fare incontri con le FS e con gli Enti Locali interessati. In tutti questi anni si sono ottenuti, principalmente, un forte miglioramento del servizio ferroviario offerto, la messa in sicurezza della linea grazie alla installazione di apparati di linea più moderni e sicuri, l'eliminazione dell'utilizzo della Chivasso - Aosta come linea-scuola da parte del Genio ferrovieri.

L’ Associazione Piccolo Carro è una associazione di volontariato Onlus che, ispirandosi ai principi di solodarietà sociale, si prefigge di aiutare, sostenere e promuovere le persone che si trovano in difficoltà fisiche e psichiche avvalendosi dei principi della socioterapia: vivere, lavorare ed imparare insieme.

TEMATICHE AMBIENTALI

Il Forum Italiano dei Movimenti per l'Acqua nasce nel 2006 e riunisce comitati territoriali, organizzazioni sociali, sindacati, associazioni e singoli cittadini che si battono per l'acqua bene comune, la sua gestione pubblica e partecipativa in una visione olistica; ovvero una battaglia a 360° che parte dalle falde acquifere e arriva fino ai nostri rubinetti.

Abbiamo scelto di batterci per difendere un bene primario in quanto paradigmatico di tutti i beni comuni, all'interno di un contesto in cui movimenti e lotte sociali, rivendicano un'alternativa al sistema neoliberista basato sullo sfruttamento della natura e delle nostre vite.

Il Forum Nazionale “Salviamo il Paesaggio – Difendiamo i Territori” è un aggregato di associazioni e cittadini di tutta Italia (sul modello del Forum per l’acqua pubblica), che, mantenendo le peculiarità di ciascun soggetto, intende perseguire un unico obiettivo: salvare il paesaggio e il territorio italiano dalla deregulation e dal cemento selvaggio.

Domenica 3 giugno 2012 si sarebbe dovuto votare il per il REFERENDUM SULLA CACCIA in Piemonte.
Con la decisione, senza precedenti, del Consiglio Regionale di abrogare la Legge Regionale 70/96 i cittadini piemontesi non hanno potuto esprimere il loro voto.
Il 3 giugno 2012 è stata indetta una manifestazione nazionale di protesta per la difesa del referendum e della democrazia.


"Evidentemente, c’è chi ritiene che i cittadini siano marionette e che la presente amministrazione regionale – la cui legittimità è, come minimo, dubbia – possa manipolarli come meglio ritiene, dando via libera solo alle iniziative che non danno fastidio. Ma la democrazia è un’altra cosa e, prima o poi, ce ne dovremo rendere conto tutti. Auguri per la manifestazione che avete convocato.” - Gustavo Zagrebelsky - Presidente Emerito della Corte Costituzionale

L’esperienza del pendolare e dell’utente medio della tratta Aosta – Torino non è mai stata così degradante con ritardi sempre più ricorrenti, i vagoni in condizioni pessime, le carrozze fredde d’inverno e roventi d’estate. Cresce la stanchezza e l’arrabbiatura per una situazione che sembra non trovare strade di soluzione...

ORGANIZZAZIONI AMICHE DEL CIRCOLO
  • AEG - AZIENDA ENERGIA E GAS

  • SOCIETÀ COOPERATIVA

  • RETE CANAVESE - TV

  • CORO LA RUPE DI QUINCINETTO